Hedy Lamarr, tra scandalo e genio

Hedy Lamarr

Google oggi dedica il doodle a Hedy Lamarr, una donna geniale e un’attrice scandalosa

il doodle dedicato a Hedy Lamarr

Non solo fu protagonista di una delle prime scene di nudo integrale del cinema (la prima in assoluto risale al 1897, la girò il geniale regista francese George Méliés, nel cortometraggio Il ballo), ma Hedy Lamarr fu anche un’inventrice.

Si racconta che il primo dei suoi sei mariti, un imprenditore del settore degli armamenti, abbia tentato di comprare tutte le copie esistenti di Estasi, per cancellare per sempre il nudo dell’allora giovanissima moglie.

E che fuggita negli Stati Uniti (pare che la sua famiglia fosse di origine ebraiche), il suo successo di attrice fu tale che in cambio di un suo bacio furono sottoscritti circa 7 milioni di dollari di obbligazioni a sostegno delle truppe (25000$ a bacio).

hedy lamarr in una scena di estasi

Ma non tutti sanno che ha lasciato un contributo fondamentale al mondo, ben oltre le sue interpretazioni holliwoodiane.

Un giorno stava suonando e cantando insieme al compositore George Antheil, quando si accorsero che nonostante lui variasse il ritmo lei era in grado di seguirlo: da questa constatazione e dalle lunghe conversazioni cui aveva assistito accompagnando il primo marito, che si occupava di siluri e della possibilità di comandarli a distanza,  prese il via un lungo lavoro, che non fu riconosciuto e apprezzato fino agli anni ’60: «il concetto cardine di suddivisione di un ampio campo di frequenze in più canali trova oggi applicazione non solo nella crittografia o in scopi militari, ma anche nella telefonia mobile e nei sistemi informatici wireless. Da allora sono stati registrati oltre 1.200 brevetti riguardanti la tecnologia spread spectrum

Perciò rivolgiamo tutti un pensiero a Hedy Lamarr, diva, donna scandalosa, genio e inventrice, senza la quale forse non avremmo i nostri smartphone e la storia sarebbe stata diversa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *