Canon The Lab: la creatività dietro l’obiettivo

canon the lab

La nuova campagna di Canon The Lab mi ha fatto pensare ad Alfred Stieglitz.

Alfred Stieglitz è una pietra miliare della storia della fotografia, e lo è per tanti di quei motivi che se non lo conoscete sarà una bella storia da scoprire.

Ma perché ho pensato a lui guardando il commercial Canon The Lab?
Non sono sicura di ricordare bene la storia, ma dovrebbe essere pressapoco questa: qualcuno disse ad Alfred che la bellezza delle sue foto dipendeva dal tipo di rapporto (quasi ipnotico secondo alcuni) che instaurava con i suoi soggetti, lui volle dimostrare che non era così e cominciò a fotografare nuvole, con le quali ovviamente non poteva instaurare alcun rapporto: «Volevo fotografare le nuvole per scoprire che cosa avessi imparato in quarant’anni di fotografia. Attraverso le nuvole esporre la mia filosofia della vita, mostrare che le mie fotografie non erano dovute al soggetto, non a privilegi speciali: le nuvole erano lì per tutti, non erano soggette a tasse: erano libere.»

Nuvole di Alfred Stieglitz

In questo commercial di Canon si fa un’operazione simile: a ogni fotografo viene raccontata una storia sul soggetto che incontrerà (ovviamente lo stesso, anche se la storia cambia ogni volta).
Da questo lavoro emergono ritratti che sembrano appartenere a persone diverse e questo perché, così dice il claim: la persona che maggiormente influenza una fotografia è quella che si trova dietro l’obiettivo.

Molto bello anche il fatto che venga mostrato lo stupore del fotografo, non tanto per il fatto che il soggetto non sia davvero un pescatore, un miliardario, un ex alcolista, quanto per vedere davanti a sé sguardi tanto diversi dal proprio.
Certo, non sarà con questo commercial che Canon prenderà il posto di Nikon nel cuore dei fotografi, ma nel mio ha già molto più spazio.

Advertising Agency: Leo Burnett, Sydney, Australia
Executive Creative Directors: Grant MacAloon, Vince Lagana
Creative Director: Kieran Ots
Senior Art Director: Dave Varney
Art Director: Stuart Tobin
Copywriter: Bjoern Ingenleuf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *